Il tempo dell’attesa, la mostra a Villa Zito a Palermo.

Pochi sono i fotografi che hanno anche ritrattisti, questo è il caso di Lia Pasqualino Noto.

Per essere un buon ritrattista bisogna avere una vera empatia con la

persona fotografata, o magari antipatia, comunque forte partecipazione umana. Queste le parole di Ferdinando Scianna ed ecco comparire l’oca solitaria immortalata a Palermo in una piazza Magione deserta, irriconoscibile e lontana anni luce dalla movida dei nostri giorni, ai ritratti di Jeanne Moreau, Francis Ford Coppola, Letizia Battaglia.

C’è la ricerca di tutta una vita dietro i suoi scatti: si intitola “Il tempo dell’attesa”, la grande mostra antologica di Lia Pasqualino che arriva a Palermo, a Villa Zito, con apertura al pubblico da venerdì 23 dicembre 2022 fino al 14 maggio 2023.

Il racconto di quasi quarant’anni di vita e di passione, dalle prime fotografie del 1986 nei vicoli del centro storico di Palermo alle ultime scattate nel backstage del film “La Stranezza” e della miniserie televisiva “Solo per passione – Letizia Battaglia fotografa”.

L’esposizione a cura di Giovanna Calvenzi, è organizzata da Open Air Art con il sostegno della Fondazione Sicilia in collaborazione con Sicily Art and Culture e con la Fondazione Le Vie dei Tesori.

Rispetto all’esposizione al Museo di Capodimonte dello scorso anno, la mostra a Villa Zito – del tutto riallestita – si arricchisce delle due nuove sezioni dedicate a Letizia Battaglia e a “La Stranezza” , culminanti nel video di 34 minuti che racconta il dietro le quinte dei film.

2 commenti su “Il tempo dell’attesa, la mostra a Villa Zito a Palermo.

  1. Molto interessante spiegata molto bene in questo post corredato da ottime foto che danno un’idea precisa del contenuto di questa rassegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.